Crea sito

IL GIOCO. Racconto nero

La sera del 12 Aprile i genitori di Luigi e Federica vengono uccisi a colpi di pistola da un Serial Killer. Quest’ultimo fu condannato a morte.
Un mese dopo, il 13 Maggio Federica sente dei strani e continui rumori, così si sveglia di colpo e chiama subito il fratello maggiore Luigi:
– Luigi, Luigi senti questo rumore strano?
– – No, stai tranquilla e continua a dormire, rispose.

Federica fidandosi del fratello, ritira le coperte e continua a dormire. I ragazzi erano soli in casa e non sapevano che qualcuno li stava spiando e osservando attentamente.
Nella tarda mattinata, verso le 11:30 circa, Federica e Luigi dormivano profondamente nella loro camera che, precisamente, si trovava al secondo piano della casa, ignorando i rumori che provenivano dal primo piano. Era l’uomo che aveva ucciso i loro genitori, e che voleva vendicarsi. Poco prima dell’ora di pranzo, Federica e Luigi, si svegliano e si recano in cucina per preparare il loro pranzo, quando, ad un tratto, iniziano a sentire rumori provenienti dal bagno.
Luigi, si incammina verso il bagno, entra, e trova il bagno tutto allagato e il rubinetto aperto:
– Federica! Hai lasciato tu il rubinetto aperto? esclama urlando Luigi rivolgendosi a Federica.
– No, perché incolpi sempre me, forse sei stato tu? risponde Federica.
– Hai ragione, scusami, sicuramente l’avrò lasciato io aperto.
La sera, Luigi e Federica continuavano a sentire rumori però questa volta provenienti della cantina,
ma li ignorarono e andarono a dormire.
Durante la notte Luigi tentato dalla curiosità si alza, e si reca nella cantina, ma quando apre la porta i rumori spariscono. A un certo punto Lugi sente Federica gridare, così correndo si reca nella stanza e trova la sorella impaurita.
– Cos’è successo? chiese Luigi a Federica.
– Qualcuno mi stava toccando, rispose Federica impaurita.
– Tranquilla, tranquilla ci sono io con te, disse il fratello, rassicurandola e dopo l’accaduto andarono a dormire. Dopo due settimane di continui rumori, Luigi, era sempre più convinto che in quella casa ci fosse qualcuno a spiarli e a osservarli. In una calda mattinata, Luigi e Federica, escono da casa e passano la giornata dalla nonna, ma al rientro a casa, Federica vede sopra il tavolo un foglietto con una scritta: IL GIOCO E’ INIZIATO. I ragazzi erano sempre più spaventati, però tenevano all’oscuro i famigliari di questi rumori e di questo bigliettino.
Per quattro giorni, Luigi e Federica, si trasferiscono dalla nonna inventandosi una scusa, in realtà stavano scappando da quella casa. Per quattro giorni, Federica non pensa alla situazione che si è creata dentro casa sua, al contrario di suo fratello Luigi, che si domandava sempre chi fosse, e cosa voleva. Arrivati al quarto giorno, Federica e Luigi, mentre sistemano le valigie, iniziarono a parlare un po’:
– Sei contenta che torniamo a casa?,Chiede Luigi alla sorella.
– Si, certo che sono contenta, e tu? rispose Federica.
– Si, si anche io sono contento, anche se un po’ mi mancherà la nonna e tutti i suoi dolcetti, disse Luigi ridacchiando, che non era affatto contento di ritornare di nuovo li in quella strana casa piena di rumori strani.
Al rientro a casa, già da subito iniziarono a sentire strani rumori e un odore di bruciato che veniva dalla cucina, Luigi corse subito in cucina a vedere da dove proveniva quell’odore, apre il forno e vide una foto della sua famiglia tutta bruciata.
– Luigi che cos’è questo odore di bruciato?- chiese Federica.
– – Niente, niente tranquilla, rispose Luigi con una voce serena, per non far capire niente alla sorella e per non farla spaventare. Luigi sempre più terrorizzato, cercava di capire che cosa stesse succedendo. Arrivata la sera, i ragazzi, prima di cenare, sentendo altri rumori ma molto più forti e vicini, iniziarono ad agitarsi. Dopo una decina di minuti si presero di coraggio scesero dal secondo piano al primo, e videro una striscia di sangue rosso fuoco che portava alla cucina.
Quella cucina da graziosa e carina, era diventata un posto orrendo e sporca di sangue. Ad un tratto videro la porta del bagno aprirsi, curiosi e spaventati, Luigi e Federica , si incamminarono verso il bagno, entrarono e videro una scritta di sangue sullo specchio, con scritto GAME OVER; da ciò ebbero la certezza che ci fosse qualcuno dentro la casa.
Una settimana dopo sua nonna si reca a casa dei ragazzi, trova la porta aperta, ed entra. Si spaventa e scoppia in lacrime vedendo i corpi dei suoi nipoti distesi per terra e tagliati a pezzi, che formano una scritta: THE END.
T. R. 1A

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.