Crea sito

GLI OCCHI DELL’AMORE: STORIA DI UN INCONTRO SPECIALE.

Laura, nella sua adolescenza, non ha passato un bel periodo. A volte la vita ci riserva cose che non ci aspettiamo. Ma nonostante ciò, grazie ad una persona, si riesce ad andare avanti.
In una bella serata d’estate, io e la mia comitiva decidiamo di andare a mangiare un panino. Nell’attesa dei panini, arriva un ragazzo, insieme ai suoi amici, che attira il mio sguardo, perché non smetteva di guardarmi, ed io non smettevo di chiedermi cosa mi stesse succedendo. La mia migliore amica, conoscendomi bene, e sapendo che non mi lasciavo mai coinvolgere così facilmente, mi chiede:
– Laura, ma che sta succedendo?

– Niente, niente perché? risposi io, perché nemmeno mi ero resa conto di quello che mi stava succedendo. La serata procede tra risate e coinvolgimenti di sguardi che io non riuscivo ad evitare. 
Quando arrivo a casa comincio a chiedermi chi fosse quel ragazzo e perché mi fissava, seduta sul mio letto guardo fuori dalla finestra, assalita da mille paure e da un passato mai dimenticato che si faceva strada nei miei ricordi, così forte da impedirmi di vivere il mio presente.
Passano un po’ di giorni finché una mattina vidi un messaggio. Non capisco se sono felice come se me lo aspettassi, o triste e arrabbiata con me stessa, perché una parte di me dice di no, e l’altra mi dice di andare avanti, e così inizia una battaglia fra la testa e il cuore.
Ma il destino si mette in mezzo, perché lui non smette di cercarmi, di insistere, malgrado il muro che io ho alzato fin dall’inizio; giorno dopo giorno mi ritrovo quel messaggio, finché lui con i suoi modi di fare, riesce a convincermi ad incontrarci, cominciando a far cadere alcuni mattoni dal muro che io avevo alzato.
Sono emozionata e tanto ansiosa perché è arrivato il giorno del nostro primo appuntamento, non so se sto facendo la cosa giusta, ma nonostante ciò, mi faccio coraggio e decido di uscire di casa e vado in quel bar in cui ci eravamo visti per la prima volta. La serata passò nei migliori dei modi.
Mi sento a mio agio, tranquilla e per la prima volta, dopo tanto tempo, mi sento davvero felice.
Il momento che più mi ha colpita, è quando mi chiede:
-Come stai? Rispondimi sinceramente.
Io, un po’ sbalordita, non sapendo cosa dire, rispondo con un’altra domanda:
-Perché me lo stai chiedendo?
– Mi sono accorto della corazza che indossi, e se me ne darai modo, e ti lascerai andare, ti aiuterò a cancellare tutto ciò che ti frulla nella testa.
Rimango scossa da tutto questo perché mai nessuno mi aveva detto queste cose, anzi quando vedevano la mia freddezza tutti andavano via, dicendo che avevo un pessimo carattere.
La serata volge al termine, lui mi saluta e mi chiede:
-Quando ci rivediamo?
Io gli sorrido, gli rispondo:
-Si vedrà. Lo saluto, e vado via.
Tornando a casa, non è tutto così semplice, perché nella mia testa non c’è solo lui, ma c’è anche quel passato che torna più vivo che mai, che mi ha resa vuota, perché ho dato tanto amore credendo non ne avessi più. Ho passato giorni interi a piangere e notti in bianco, non è stato facile e dopo tutta questa sofferenza mi ero promessa che mai nessuno avrebbe toccato il mio cuore.
Giorno dopo giorno ho lottato con me stessa, cicatrizzando le mie ferite e convincendomi del fatto che dovevo andare avanti, e che prima di amare gli altri dovevo amare me stessa.
Decido di incontrare di nuovo Andrea con cui diventava sempre più interessante parlare e passare pomeriggi insieme. Alcune volte pensavo che fosse tutto sbagliato, e soprattutto che io fossi sbagliata, perché da tempo avevo perso la mia autostima, ma lui riusciva a rassicurarmi, con la sua dolcezza e le sue piccole attenzioni facendomi sentire importante.
Passano i giorni ed io sono sempre più coinvolta, sono tanti i momenti belli, ma anche le litigate. Trascorriamo ore a non parlare, ma prima o poi riusciamo a trovare un punto d’incontro e chiarire; spesso ci gridiamo contro e pensiamo di farla finita, ma la voglia di lottare e stare insieme vince su tutto e le litigate diventano abbracci. Ed io sono sempre più consapevole che mi fa stare bene anche con le litigate, sono certa che posso tornare ad essere felice e riuscire ad aprire il mio cuore perché me lo merito perché non è mai sbagliato essere felici.
Era da quasi due anni che stavamo insieme, ed io non riuscivo ad immaginare un futuro senza di lui, perché ormai lui è parte del mio mondo. Ogni giorno lo ringrazio per essere rimasto accanto a me, nonostante le difficoltà, ed essere riuscito a farmi andare avanti facendomi vincere quella battaglia fra la testa ed il cuore; non potevo fare scelta migliore di seguire il mio cuore e ritornare finalmente ad essere felice e serena.
D. L. S.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.